Cultura Crea 2.0: Sviluppo delle imprese dell’industria culturale e turistica

Cultura Crea 2.0: Sviluppo delle imprese dell'industria culturale e turistica

L’incentivo “Sviluppo delle imprese dell’industria culturale e turistica” prevede il sostegno allo sviluppo e al consolidamento delle micro, piccole e medie imprese dell’industria culturale, turistica, creativa, dello spettacolo e del settore manifatturiero tipico locale.

Finalità dell’iniziativa

Sviluppo e consolidamento delle micro, piccole e medie imprese dell’industria culturale, turistica, creativa, dello spettacolo e del settore manifatturiero tipico locale.

Beneficiari

Imprese costituite in forma societaria da non meno di 36 mesi, incluse le cooperative. Le attività devono
operare nei Comuni delle regioni Basilicata, Calabria, Campania e Puglia inseriti nell’elenco delle aree di attrazione culturale.

Progetti agevolabili

Sono finanziabili programmi di investimento fino a 500.000 euro nelle seguenti aree di intervento:

servizi per la fruizione turistica e culturale
promozione finalizzata alla valorizzazione delle risorse culturali
recupero e valorizzazione di produzioni tipiche locali.
Spese ammissibili
Investimenti

  • macchinari, impianti e attrezzature, compresi mobili e attrezzature d’ufficio;
  • programmi informatici, brevetti, licenze e marchi, certificazioni e know how;
  • opere murarie nel limite del 10% dell’investimento ammissibile;

Capitale circolante, nel limite del 50% del programma di spesa ammesso al finanziamento agevolato, ad esempio:

  • personale dipendente qualificato assunto dopo la presentazione della domanda;
  • servizi per tecnologie dell’informazione e della comunicazione;
  • consulenze specialistiche esterne.
    I beni d’investimento: devono essere di importo superiore a 500,00 euro.

Le spese devono essere sostenute dopo la presentazione della domanda ed entro 18 mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento.

Agevolazioni

Le agevolazioni sono concesse nei limiti del regolamento de minimis e prevedono congiuntamente:

finanziamento agevolato a tasso zero fino al 60% della spesa ammessa, elevabile al 65% in caso di impresa femminile, o impresa giovanile o in possesso del rating di legalità;
contributo a fondo perduto fino al 20% della spesa ammessa, elevabile al 25% in caso di impresa femminile, o impresa giovanile o in possesso del rating di legalità.
Le imprese beneficiarie devono finanziarie con risorse proprie la quota di investimenti non coperta dalle agevolazioni.

Modalità e scadenza

A partire dal 26 Aprile 2021.

Vuoi più informazioni?

Per maggiori informazioni e per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa, compila il form.

Potrebbero interessarti:

Green New Deal 2022

Decreto Interministeriale MISE MEF 01/12/21 Decreto Direttoriale MISE 23/08/22 Dotazione 600 milioni di euro, a valere sul Fondo rotativo per le imprese e gli investimenti in ricerca (FRI) 150 milioni

Scopri di più

Bonus Energia Regione Campania

La Regione Campania ha stanziato 58 milioni di euro per sostenere le imprese manifatturiere del territorio che nel 2022 hanno subìto un incremento del costo dell’energia dovuto alla crisi energetica.

Scopri di più