Contratto di sviluppo turistico – Regione Toscana

Contratto si sviluppo turistico Regione Toscana

Il contratto di Sviluppo Invitalia sostiene gli investimenti di grandi dimensioni nel settore turistico.

Che cos’è?

L’investimento complessivo minimo richiesto è di 20 Milioni di euro ridotto a 7,5 milioni di euro per i programmi di investimento che prevedono almeno una delle seguenti caratteristiche:

  • interventi volti alla riqualificazione di strutture edilizie dismesse*
  • investimenti localizzati nelle aree interne del paese

Investimenti Ammissibili

Creazione di nuova unità produttiva
Ampliamento unità produttiva esistente
Riconversione di un’unità produttiva esistente, intesa quale diversificazione della produzione di un’unità produttiva in nuovi prodotti aggiuntivi
Ristrutturazione di un’unità produttiva esistente

Spese Ammissibili

Suolo aziendale e sua sistemazione (max del 10% dell’investimento complessivo ammissibile)
Opere murarie ed impiantistica assimilata (max del 70% dell’investimento complessivo
ammissibile)
Macchinari ed attrezzature varie ( nessun limite)
Progettazione e Studi (max 4% dell’investimento complessivo ammissibile)
Servizi reali quali programmi informatici, brevetti, software, licenze esterne, consulenze tecniche esterne

Le agevolazioni per le “altre aree Regione Toscana”

L’agevolazione è pari al 75% dell’investimento ammissibile.

Queste percentuali saranno negoziate con Invitalia, inoltre il finanziamento agevolato deve essere assistito da garanzie ipotecarie.
Il 25% dell’ investimento non coperto dalle agevolazioni più l’iva dell’ intero investimento deve essere attestato da una referenza bancaria in cui si dichiara alternativamente o cumulativamente:

che il soci o la società detengono disponibilità pari a quanto non coperto dalle agevolazioni che la banca, senza nessun impegno vincolante, in caso di esito positivo della domanda è disposta a concedere un finanziamento bancario pari alla somma non coperta dalle agevolazioni

Le agevolazioni per le «Zone C non definite dalla Carta degli aiuti Art 107.3.c»

L’agevolazione è pari al 75% dell’investimento ammissibile.

Per le seguenti aree il mix agevolativo risulta più vantaggioso:
«Carrara, Massa, Montignoso, Altopascio; Capannori; Lucca; Porcari, Agliana; Montale; Pistoia, Collesalvetti; Livorno, Rosignano Marittimo, Arezzo; Capolona; Civitella in Val di Chiana; Laterina Pergine Valdarno, Gavorrano; Grosseto; Scarlino; Follonica, Campiglia Marittima; Piombino».

Perizia Giurata

In riferimento agli immobili interessati dall’iniziativa, bisogna acquisire una perizia giurata (redatta da un tecnico abilitato ed iscritto ad albo professionale, non incluso nella compagine sociale, né riconducibile al suo organigramma), da quale evincere:

  • l’articolazione dell’iter autorizzativo da intraprendere in via preliminare all’attuazione del programma, con indicazione degli eventuali pareri e/o nulla osta da parte di amministrazioni o enti, ovvero dei titoli autorizzativi necessari
  • l’esplicita dichiarazione del tecnico circa l’inesistenza di motivi ostativi al rilascio dei medesimi necessari titoli autorizzativi
  • le informazioni circa l’eventuale avvenuto avvio del citato iter autorizzativo, con indicazione dei titoli già conseguiti

Premialità

Per essere ammessi alle agevolazioni, i programmi turistici devono rispettare almeno una delle seguenti condizioni:

  • previsione di recupero e riqualificazione di strutture dismesse o sottoutilizzate nell’ambito del programma
  • idoneità del programma di realizzare/consolidare sistemi di filiera diretta e allargata
  • capacità del programma di contribuire alla stabilizzazione della domanda turistica attraverso la destagionalizzazione dei flussi
  • ubicazione e realizzazione del programma in comuni tra loro limitrofi ovvero appartenenti a un unico distretto turistico
  • presenza un significativo impatto occupazionale, e la capacità di attivare occupazione incrementale
  • introduzione di rilevanti innovazioni di prodotto o di processo
  • rilevante presenza sui mercati esteri e la possibilità di attrarre investimenti esteri

Cronoprogramma

  • Presentazione della domanda
  • Realizzazione dei progetti dal giorno successivo
  • Presentazione della domanda
  • Tempi di esito progetto: Premialità nell’ istruttoria
  • Non prima di 90 giorni dalla presentazione della domanda.
  • Per struttura edilizia dismessa s’intende una struttura a destinazione industriale, artigianale, terziaria o commerciale, nella quale la condizione dismissiva, caratterizzata dalla cessazione dell’attività economica si prolunghi ininterrottamente per un periodo non inferiore a 12 mesi.

Vuoi più informazioni?

Per maggiori informazioni e per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per la tua impresa, compila il form.

Potrebbero interessarti:

Green New Deal 2022

Decreto Interministeriale MISE MEF 01/12/21 Decreto Direttoriale MISE 23/08/22 Dotazione 600 milioni di euro, a valere sul Fondo rotativo per le imprese e gli investimenti in ricerca (FRI) 150 milioni

Scopri di più

Bonus Energia Regione Campania

La Regione Campania ha stanziato 58 milioni di euro per sostenere le imprese manifatturiere del territorio che nel 2022 hanno subìto un incremento del costo dell’energia dovuto alla crisi energetica.

Scopri di più